Analytics e Sostenibilità

Durata 1-2 giornate

Strutturare in modo efficace la raccolta dei dati per comunicare la Sostenibilità.

Obiettivi

Lo scorso 28 novembre 2022 è stata ufficialmente adottata la nuova Direttiva europea che stabilisce nuovi principi sulla rendicontazione di sostenibilità delle imprese (Corporate Sustainability Reporting Directive – CSRD). La nuova Direttiva CSRD amplia l’obbligo di rendicontazione di sostenibilità per numerose imprese, includendo informazioni sugli aspetti ESG, quali impatto ambientale, diritti umani e governance. Questa direttiva sostituisce la precedente (NFRD), mirando a promuovere la trasparenza aziendale e stabilire standard comparabili per tutte le informazioni non finanziarie. L’obiettivo principale della CSRD è migliorare la rendicontazione di sostenibilità, aumentare la trasparenza su questioni ambientali, sociali e di governance, combattere il greenwashing e migliorare la comparabilità dei
bilanci di sostenibilità. Per le aziende sarà sempre più importante, se non obbligatorio, occuparsi di sostenibilità. L’attenzione ai temi ESG non solo ha un impatto positivo sull’ambiente e sulla società, ma può anche comportare vantaggi significativi per le aziende in termini di reputazione, opportunità di mercato, efficienza operativa e resilienza aziendale.
Il Corso ha lo scopo di fare chiarezza su come raccogliere e gestire i dati inerenti alla sostenibilità, un’esigenza che si sta manifestando sempre di più nelle aziende alla luce delle nuove normative.

Contenuti dell’intervento

  • L’importanza del dato ESG: la digitalizzazione dei dati nella nuova Direttiva Europea CSRD per migliorare la qualità e la comparabilità delle informazioni ESG fornite dalle imprese.
  • I principali standard utilizzati per la rendicontazione:
    • GRI Standard: gli standard del Global Reporting Initiative forniscono linee guida dettagliate per la rendicontazione sostenibile;
    • ESRS Standard dell’EFRAG: stato avanzamento lavori dell’European Financial Reporting Advisory Group nella definizione dei nuovi standard per la rendicontazione non finanziaria.
  • Organizzare la raccolta dati confronto e integrazione tra i KPI ESG e gli indicatori dei sistemi di gestione (ISO 9001-ISO14001-ISO 45001 ecc).
  • La rappresentazione dei dati ESG: come rappresentare i dati in modo efficace ai fini del reporting attraverso grafici, report interattivi e dashboard per facilitare la comprensione e la comunicazione dei risultati ai vari stakeholder.

Richiedi maggiori informazioni